[NON C'È PIÙ] BIANCO, il coraggio di fidarsi ancora

>> martedì 7 agosto 2012

VERONA
Bianco non c'è più.
Una catena legata alla recinzione del cortile di una fabbrica in provincia di Verona gli toglieva la libertà, poche crocchette in un pentolino di ferro lo nutrivano miseramente e solo un po' d'acqua lo dissetava, quando il proprietario aveva la grazia di ricordarsi che anche i cani bevono!
Da questa prigione Bianco è stato sottratto grazie alla denuncia della Lav di Verona, e adesso è in affido giudiziario all'associazione dopo essere stato sequestrato da agenti del Corpo Forestale dello Stato. Le sue condizioni fisiche erano pessime e fra le altre cure si è reso necessario per lui un delicato intervento chirurgico. I volontari della Lav l'hanno accudito in modo speciale fin dal primo momento e grazie alle loro amorevoli cure ed attenzioni adesso Bianco sembra un altro cane rispetto a quello che era quando è stato salvato: ora è un cane socievole, che si lascia accarezzare e accoglie festoso gli attivisti dell'associazione che lo portano in passeggiata e lo coccolano teneramente. Bianco ha un'immensa voglia di affetto e tante carezze ed è tenerone nel cercarle nonostante sia una cane di taglia grande. Questo cane bellissimo e sfortunato ci ha insegnato molto con il suo coraggio e la sua volontà di fidarsi di nuovo, dimenticando la paura e il duro passato. E la vera vita di Bianco è appena iniziata, nonostante non sia più giovane. Cerchiamo per lui una casa e una famiglia desiderosa di regalargli una vita serena per gli ultimi anni che gli restano da vivere. Ora Bianco si trova in un rifugio per cani abbandonati... l'inverno non è lontano e lui avrebbe proprio bisogno di una casa dove stare al calduccio... Venite a conoscerlo, ve ne innamorerete.

1 commenti:

Antebar 17 novembre 2012 01:14  

Queste le parole di Silvia per il dolcissimo Bianco:

"Da fine settembre era in stallo da una volontaria Lav che l'ho seguito con molto amore, ma purtroppo la malattia e l'arrivo del primo freddo l'hanno fatto crollare... ieri mattina dopo aver consultato il veterinario l'hanno accompagnato sul ponte...
Caro Bianco... sei stato tanto coraggioso, hai dovuto subire la cattiveria dell'uomo che ti ha privato della libertà legandoti a una catena per tutta la tua vita... ma tu non hai perso la fiducia e sei rimasto un cagnolone buono e desideroso di coccole. La malattia purtroppo non ti ha permesso di poterti finalmente godere la libertà... corri felice, ora sei libero per sempre.
Ciao Bianco, rimarrai nei cuori di chi ti ha voluto bene...

Blogger templates made by AllBlogTools.com

Back to TOP