[NON C'È PIÙ] ARGO è anziano, quasi cieco, cardiopatico e tanto solo

>> giovedì 15 luglio 2010

ROMA
18 luglio 2010: Argo è volato via.
Argo è vecchissimo... taglia piccola, da libretto è un lhasa apso... l'abbiamo tolto da un allevamento sotto sequestro per offrirgli un periodo sereno, al calduccio e al morbido, curato e amato, ma ora serve una famiglia che lo accolga. Argo è cardiopatico, quasi completamente cieco e soffre della sindrome di Cushing, detta anche iperadrenocorticismo, abbastanza diffusa in cani anziani di taglia piccola, soprattutto barboncini e bassotti: si tratta di una malattia endocrina caratterizzata da una produzione eccessiva di cortisolo da parte delle ghiandole surrenali. Argo dovrà assumere a vita una pasticca per il cuore, due diuretici, e un medicinale vasodilatatore, e dovrà essere tenuto con attenzione perché stress o stati di calore possono aumentare la quantità di cortisolo e quindi rendere necessaria, per compensazione, l'aumento del diuretico. È quasi completamente cieco a causa di una cheratite mai curata, e ora che è sotto trattamento con collirio e pomata oftalmica i suoi occhi stanno molto meglio. Ha cominciato anche una cura per l'otite... povero piccolino, che bello pensare che piano piano il mondo si stia prendendo cura di lui! Insomma, questo anziano piccoletto, che dorme parecchio durante il giorno ma piange se non ha vicino un altro piccoletto magari anche lui anziano e dormiglione, per vivere serenamente ha bisogno di essere adottato da persone delicate e attente al suo stato di salute, e in un contesto tranquillo e fresco, almeno con un altro/a piccoletto! Argo ha ancora uno sguardo molto triste... è un cane che ha sofferto tanto nella sua vita, un cane che non vede nulla e che sta lentamente recuperando le forze... per chissà quanto è stato impegnato solo a sopravvivere. Ha davvero tanto bisogno del contatto con un suo simile, che per lui è un riferimento affettivo stabile; si comincia ad abituare alle carezze ma quelle sono delle novità, mentre il contatto con gli altri cani è linfa vitale.
16 giugno 2010: Argo ha da poco perso la sua amata anzianotta Sissy, a cui era legatissimo, volata sul Ponte. Ora è ancora solo, in quella stanza quasi tutto il giorno, senza Sissy... nessuna richiesta per lui. Argo è il simbolo dello sfruttamento dei cani da parte degli uomini senza sensibilità e attenzione per i loro sentimenti e per il loro corpicino... questi cani di razza, da compagnia, piccoli e a pelo lungo sono delicatissimi! Il pelo non tosato e pulito porta spesso infezioni agli occhi ad esempio... sono cani comunque molto più delicati dei meticcioni o di altre razze. È stato fatto nascere per essere venduto, non è stato curato, è stato lasciato diventare CIECO (immaginate il dolore e il fastidio di una cheratite che piano piano secca gli occhi e li rende ciechi), GONFIO di liquidi per il cuore che non andava, le orecchie con secrezioni maleodoranti per l'otite non curata, pieno di prurito PER UNA DERMATITE SEBORROICA (malattia legata, anche negli umani, allo stress e probabilmente anche al cibo)... Ha perfino una malattia endocrinologica (non ci sono terapie e va lasciata così) che gli fa produrre cortisolo in condizioni di stress. Ma non vi impressionate, lui vive benissimo con alcune pasticche due volte al giorno! Come tutti i cani cardiopatici. E con lacrime artificiali negli occhi. Le cure non sono complicate!
Argo vive in una situazione di ospitalità temporanea e in un luogo comunque non idoneo a lui nel lungo periodo e senza altri animali. Qualche carezza al ritorno e la possibilità di stare in soggiorno la sera non colmano affatto il vuoto di un cane abituato al contatto con altri cani (è cieco, gli serve il contatto). La casa non ha terrazzi o balconi e la volontaria sta fuori di casa più di 10 ore al giorno. Argo ha davvero il diritto di passare l'ultimo periodo della sua vita in una buona situazione, per favore. L'associazione che se ne sta occupando non può fare di più.
Argo si trova a Roma. Per informazioni e adozione: Cristiana 339.6094625 - adozionicucciolissimi@gmail.com

1 commenti:

Antebar 21 luglio 2010 00:14  

Sfortunato angioletto, perdonami per aver pubblicato così in ritardo il tuo appello. Potevo fare solo questo per te, eppure ho tardato. Ora non ci sei più e l'amarezza è grandissima.

Addio Argo, ritrova la tua amica Sissi e correte liberi nel Cielo.

Blogger templates made by AllBlogTools.com

Back to TOP